giovedì 14 novembre 2019

Tutto è accelerato in una spirale di morte verso il basso

 
“Guardati nello specchio. 
Quella persona che ti sta fissando è l’unica persona che ti salverà” 

La brutale realtà che si trova appena avanti

Oggi ho ricevuto un’e-mail in cui il mittente continuava a parlare della presunta “morte” del vero Paul McCartney nel 1966, e della sua successiva sostituzione con un doppio, un gemello, uno stand, qualunque cosa. Molte persone parlano di queste vecchie notizie da anni. Non mi capita di conoscere la verità della questione, in un modo o nell’altro. Potrebbe essere vero Non lo so. 

I giornali, i siti web di notizie tradizionali e quelli alternativi sono pieni di scontro sulle procedure di impeachment contro Donald Trump, la traiettoria del mercato azionario, le rivolte a Hong Kong e altro ancora. 

Sempre più spesso mi lascia freddo, impassibile. 

Ecco perché: tutto intorno a noi il pianeta sta rapidamente morendo. Presto, molto presto, tutte queste altre questioni saranno rese per lo più o interamente discutibili, perché la biosfera di cui fa parte l’umanità sarà in gran parte morta, e così anche la maggior parte dell’umanità. 

The Mother Of All Human Die-Offs si trova di fronte, e non in un futuro lontano, no signore, no signora. Al ritmo con cui vanno le cose, abbiamo al massimo 25 anni, e molto probabilmente dieci o anche cinque o meno, prima che le cose diventino davvero molto cupe. In effetti, la carenza di colture inizierà a vendicarsi con il prossimo anno in molti paesi. 

Il problema alla radice è che l’ecologia sta morendo. La biosfera sta fallendo molto velocemente. 

Il sito di notizie russo, Sputnik, ha presentato oggi una storia sul rapido estinzione della popolazione di insetti del mondo. 

‘Unnoticed Apocalypse’: gli insetti morenti mettono a rischio l’esistenza dell’umanità 

Secondo l’articolo metà della popolazione di insetti terrestri è morta dagli anni ’70, a causa della perdita di habitat e dell’uso di sostanze chimiche. Gesso tutto questo fino all’attività umana. Perché è importante? Solo perché la maggior parte dell’approvvigionamento alimentare umano dipende direttamente o indirettamente dall’impollinazione degli insetti. Man mano che gli insetti muoiono, api, vespe, farfalle, mosche, ecc., Anche gli umani. Nessun insetto = nessuna impollinazione di insetti nelle colture = nessuna coltura = nessun cibo = fame di massa = estinzione di massa di esseri umani. 

Pensi che non possa succederti, perché vivi a Memphis o Little Rock o Boise o Indianapolis o Knoxville o Spokane o Fresno o Albany o Fort Worth o Reno? E hai un iPhone, Internet in fibra ottica ad alta velocità, un’auto, carte di credito, un conto in banca o tre, azioni e obbligazioni, una carriera, una casa? 

A causa della Legge matematica degli esponenti, la fine del gioco, le fasi finali del collasso ecologico, andranno molto velocemente, vertiginosamente veloci, con risultati morbosamente cupi. Può sembrare implausibile che miliardi di persone possano morire in un breve periodo di tempo, ma possono, oh, possono. I biologi della popolazione hanno osservato ripetutamente il rapido declino e l’estinzione, o quasi l’estinzione delle specie. Sta succedendo ora agli insetti, in tutto il mondo!
E agli animali e alle piante. 

L’umanità ha ucciso l’83% di tutti i mammiferi selvatici e la metà di tutte le piante: studio 

In Ecuador ho notato un drastico calo delle farfalle, nel solo decennio in cui ho vissuto qui. Vedo ancora alcune api, ma spesso sembrano incapaci di volare e strisciano semplicemente in cerchio per terra o sul marciapiede. Ho visto in prima persona la distruzione della foresta amazzonica – sta andando, andando, andando – essere abbattuta per nuove abitazioni, per terreni agricoli e pascoli, per i diritti di passaggio delle linee elettriche, per i campi di pozzi petroliferi e condutture, strade e autostrade, parcheggi, campi da gioco atletici, legname e molto altro. L’Ecuador non è certo l’eccezione, ma la regola. Questo sta accadendo alle foreste di tutto il mondo, comprese le grandi foreste tropicali come l’Amazzonia. 

Nelle mie lunghe passeggiate sulla spiaggia sulla costa del Pacifico dell’Ecuador ho incontrato ripetutamente delfini morti e tartarughe marine giganti. Vengono catturati nelle reti dei pescatori artigianali e dei pescherecci da traino che solcano le acque costiere e affogano. Questo è abbastanza comune, in tutto il mondo. Esistono convenzioni e regolamenti internazionali in atto per proteggere la fauna marina come i delfini e le tartarughe marine, ma la realtà è che una popolazione globale di 7,5 miliardi di persone richiede infinite migliaia di tonnellate di tonno, gamberi, merluzzo bianco, eglefino, sardine, granchi, ecc. A causa delle miglia di reti emesse dalle flotte da pesca, vi è un massacro indiscriminato della vita marina, tra cui molte balene, delfini, tartarughe marine e innumerevoli milioni di pesci non commerciali che vengono sommariamente catturati nelle reti e uccisi. Questa è la realtà 

Stiamo massacrando gli oceani. Stiamo annientando le grandi foreste. L’ho visto da solo, negli ultimi anni. 

Gli insetti stanno morendo. I grandi mari e foreste vengono brutalmente uccisi. Le popolazioni animali della Terra – uccelli, anfibi, rettili, mammiferi – stanno morendo e vengono uccise. 

Questi sono i fatti difficili e scomodi. 

Gli anni ’50 sembrano essere stati il ​​punto di non ritorno approssimativo e negativo per l’ecologia della Terra. Da allora tutto è accelerato in una spirale di morte verso il basso: sempre più perdita di habitat naturale, sempre più uso di pesticidi ed erbicidi, sempre più caccia e pesca, sempre più urbanizzazione, sempre più contaminazione ambientale, sempre più grezza estrazione delle risorse – disboscamento, estrazione mineraria, trivellazioni petrolifere e di gas naturale, crescita sempre più rapida e massiccia della popolazione – ci piace mai lavorare * e come! Ci stiamo avvitando fino al limite dell’estinzione, mentre i nostri miliardi abbondanti invadono il pianeta. 

Mettendo da parte la possibilità non banale di una guerra nucleare genocida, è del tutto possibile che la grande mole dell’umanità morirà in una serie di eventi di mortalità di massa direttamente correlati al precipitante declino della capacità di trasporto terrestre, ovvero, a causa di un eccessivo sfruttamento terminale dei sistemi naturali del pianeta, con conseguente estinzione o quasi estinzione dell’Homo sapiens sapiens a causa della mancanza di cibo.
Fame globale. Ora stiamo pattinando al limite. 

Consiglio vivamente la piantagione di alberi e fiori selvatici e le attività di conservazione della fauna selvatica, per coloro che sono così inclini o che sono in grado di farlo. 

Molti miliardi di alberi devono essere urgentemente piantati in questo momento, in tutto il mondo, e innumerevoli migliaia di tonnellate di semi di fiori selvatici devono essere trasmesse lungo autostrade, strade secondarie, file di recinti, lotti e campi liberi ovunque per fornire habitat e una fonte di cibo per insetti e uccelli. È necessario avviare con urgenza importanti progetti di bonifica ecologica di ogni genere a livello locale, regionale, nazionale e internazionale. 

Se non riusciamo a farlo – e attualmente ** non riusciamo a farlo – allora la nostra oca viene cotta. È tutto finito. La fine non durerà molto più a lungo. 

A proposito, è probabile che la soluzione non sia religiosa o politica. Con rare eccezioni, le principali figure politiche e religiose prestano scarsa attenzione all’imminente rovina dell’umanità e al continuo e rapido crollo della biosfera terrestre. Quando qualcuno ha sentito Donald Trump menzionare i problemi che ho sollevato qui? O Hillary Clinton, Vladimir Putin, Xi Jinping, Angela Merkel, Benjamin Netanyahu? 

O i capitani dell’industria e della finanza come Elon Musk, Warren Buffett, Bill Gates, Sir Richard Branson, Mark Zuckerberg, ecc.? No, non menzionano questi problemi urgenti. Sono indaffarati a girare e spacciare, a guadagnare miliardi di dollari, a giocare a giochi politici, a impettirsi sul palcoscenico mondiale.
Guarda nello specchio. Quella persona che ti sta fissando è l’unica persona che ti salverà. 

È tempo di crescere e mettere da parte giochi infantili di dipendenza da figure di potere, che sono, con rare eccezioni, traditori dell’umanità e della Terra. 


mercoledì 13 novembre 2019

La quasi estinzione in contrapposizione alla totale estinzione

 

Lo studio suggerisce che (come si potrebbe pensare) le persone non sono infastidite dall'estinzione umana

Di John Vibes / Teoria della verità

Un recente studio di Oxford pubblicato sulla rivista Scientific Reports ha scoperto che le persone non sono affatto infastidite dalla possibilità dell'estinzione umana. Nello studio, 2.500 persone negli Stati Uniti e nel Regno Unito sono state intervistate sui loro sentimenti riguardo alla possibilità di un'apocalisse.

Agli intervistati è stato chiesto di classificare quanto pensavano fossero potenziali scenari per il giorno del giudizio. In un test molto semplice, sono stati dati tre scenari, uno in cui l'intera specie umana è stata spazzata via da una catastrofe globale, un'altra in cui solo l'80% delle specie è stata spazzata via, e un'altra in cui non accade nulla e la vita continua normalmente.

Come previsto, la scelta più popolare è stata quella di continuare la vita come se nulla fosse successo, ma le altre risposte hanno sorpreso i ricercatori. Le persone che hanno partecipato al sondaggio sembravano avere più paura di vivere in un mondo in cui l'80% delle specie erano state spazzate via rispetto all'idea che l'umanità si fosse completamente estinta.

I ricercatori hanno scritto che " Quando è stato chiesto nel modo più semplice e non qualificato, i partecipanti non trovano l'estinzione umana unicamente cattiva".

Stranamente, quando le domande sono state leggermente modificate per valutare le opinioni delle persone sull'estinzione degli animali, gli intervistati hanno concordato in modo schiacciante che una perdita totale di una specie animale era peggiore di una riduzione dell'80%.
Oltre 5000 persone hanno scaricato il nostro ebook gratuito "Suggerimenti e rituali di hacking di crescita per una vita ottimale" FARE CLIC QUI per ottenere la copia gratuita ora
I ricercatori hanno avuto diverse teorie sul perché le persone si sentissero in questo modo e non hanno trovato alcuna spiegazione per i loro risultati, ma sembra che gli intervistati abbiano risposto alle domande in base a come avrebbero vissuto la situazione come umani. È molto facile per la maggior parte degli umani considerare le morti degli animali come una statistica e dare la risposta fredda e calcolata che il 20% delle zebre nel mondo che sopravvivono a un'estinzione è meglio per il pianeta e per la biodiversità che osservare l'intera specie morire.

Tuttavia, quando si considera questa stessa domanda per la nostra stessa specie, la questione diventa molto più complicata ed emotiva. Di fronte alla questione dell'estinzione umana, la maggior parte delle persone vuole che sia rapida e indolore se accadrà, vogliono una sofferenza minima. Se accadesse qualcosa in cui l'80% della popolazione umana veniva improvvisamente spazzata via, ci sono buone probabilità che comporterebbe molta sofferenza per coloro che sono morti e anche per quelli che sono rimasti indietro.
"Concludiamo che un motivo importante per cui le persone non trovano l'estinzione in modo univoco negativo è che si concentrano sulla morte e sulla sofferenza immediate che le catastrofi causano per i compagni umani, piuttosto che sulle conseguenze a lungo termine " , afferma l'abstract dello studio.
Tuttavia, ci sono stati alcuni casi in cui gli intervistati del sondaggio hanno optato per la quasi estinzione in contrapposizione alla totale estinzione, ed è stato allora che hanno detto che le persone rimaste avrebbero creato un mondo "migliore di oggi in ogni modo immaginabile".

CREDITO IMMAGINE: Razvan Ionut Dragomirescu


martedì 12 novembre 2019

LA MONETA A CORSO LEGALE

 

DOVE STA SCRITTO CHE DOBBIAMO PER FORZA AVERE UN CONTO IN BANCA?

Ricevo da Anna Dossena e pubblico

Sei un lavoratore dipendente? Sei un pensionato?  Hai una piccola impresa individuale? Per poter lavorare, e quindi vivere, devi per forza avere un conto in banca, altrimenti è impossibile avere lo stipendio. Lo Stato ha infatti abolito da anni il contante per l'accredito dello stipendio. Il problema è che tutto ciò è ILLEGALE.

📌Art. 1277 Codice Civile
«I debiti pecuniari si estinguono con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale»

📌Art 693 Codice Penale
«Chiunque rifiuta di ricevere, per il loro valore, monete aventi corso legale nello Stato, è punito con la sanzione amministrativa fino a trenta euro»
Le leggi dello Stato italiano sono chiare: i pagamenti si effettuano con la MONETA A CORSO LEGALE e nessuno può rifiutarsi di ricevere la MONETA A CORSO LEGALE.

🤔Ma cos'è la MONETA A CORSO LEGALE?
Ce lo dice la Banca d'Italia: «L'unica forma di moneta legale è la moneta CONTANTE emessa da una banca centrale - per l'euro la Banca Centrale Europea (BCE)» 

💶Quindi la questione è molto chiara: l'unica moneta a corso legale è il CONTANTE e nessuno può rifiutarsi di ricevere denaro CONTANTE per i pagamenti.

💳Cos'è quindi la MONETA ELETTRONICA che lo Stato ci obbliga ad utilizzare? Leggiamo sempre dalla Banca d'Italia: «La moneta scritturale bancaria [ovvero la moneta elettronica] è una forma di MONETA PRIVATA». La moneta elettronica non è moneta a corso legale, è una moneta privata che porta LUCRO alle banche.

Come fa lo Stato ad abolire o limitare l'utilizzo del CONTANTE che è l'unica MONETA A CORSO LEGALE e costringere il cittadino ad utilizzare una moneta privata che per definizione porta lucro alle banche attraverso interessi e commissioni?

🔴 Come ci siamo ridotti così? La decennale propaganda mistificatoria contro il CONTANTE è stata portata avanti con grande forza dal circuito bancario e dai suoi camerieri (giornalisti, politici, boiardi di stato etc). Quella dell'evasione fiscale è soltanto una scusa (la vera evasione la abbiamo proprio con la moneta elettronica), l'obbiettivo è quello di renderci ancora più schiavi controllando il nostro portafoglio, tracciando ogni spesa che facciamo e prelevando direttamente i soldi quando lo Stato ritiene di farlo. Le banche brindano e banchettano grazie ad una classe politica collusa e incapace.

📣Ma le leggi rimangono, e sfido i politicanti a modificare la definizione di MONETA A CORSO LEGALE. Il vero problema che abbiamo è quello dell'informazione: facciamo sapere a tutti come stanno realmente le cose, le persone devono capire come ci stanno togliendo ogni libertà. 

Come disse Henry Ford: "È un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario, perché se accadesse credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina." È nostro dovere informare

https://it-it.facebook.com/francescofilini.pagina/posts/870067430036407 

sabato 9 novembre 2019

Tra Astrologia e Astronomia 3000 anni fa

 
Un brillamento solare (Via Flickr)

Antiche tavolette cuneiformi si dimostrano storicamente accurate per quanto riguarda la possibile minaccia alla Terra 

da parte di Harrison Kirk  

Circa 3.000 anni fa, gli astrologi che lavoravano per il re dell'impero assiro tenevano d'occhio i cieli, e ciò che trovavano e registravano sulle tavolette cuneiformi possono darci informazioni incredibilmente preziose su cose come i brillamenti solari e altri avvenimenti cosmologici che sono tanto rilevanti oggi quanto lo erano quando erano registrati per la prima volta.  

Origins osserva che circa 2.700 anni fa, gli astrologi osservarono qualcosa che attirò la loro attenzione, e registrarono l'evento su tavole di pietra: 
"(Gli astrologi) ha scritto di un insolito bagliore rosso nel cielo. Un team dell'Università di Tsukuba ha scoperto che ci sono almeno tre antiche tavolette cuneiformi che menzionano un tale evento, a volte descritto come una "nuvola rossa" o con il testo "il rosso copre il cielo".   
Secondo Science Daily, queste osservazioni sono state confrontate con le concentrazioni di carbonio-14 negli anelli degli alberi dello stesso periodo di tempo, e ciò che hanno trovato è a dir poco incredibile: 
"Queste erano probabilmente manifestazioni di quelli che oggi chiamiamo archi rossi aurorali stabili, costituiti dalla luce emessa dagli elettroni negli atomi di ossigeno atmosferici dopo essere stati eccitati da intensi campi magnetici. Mentre di solito pensiamo alle aurore come confinate alle latitudini settentrionali, durante i periodi di forte attività magnetica, come con un'espulsione di massa solare, possono essere osservate molto più a sud. Inoltre, a causa dei cambiamenti nel campo magnetico terrestre nel tempo, il Medio Oriente era più vicino al polo geomagnetico durante questo periodo della storia." 

 
Una tavoletta cuneiforme come quelle usate in Assiria (Via Wikimedia Commons)  

Una mano d'aiuto dagli antichi assiri  

Si scopre che gli assiri possono essere in grado di dare una mano agli scienziati moderni che stanno anche studiando il sole. 

I ricercatori che scrivono nell'Astrophysical Letters Journal spiegano che gli eventi solari sono una minaccia ancora più grande ora rispetto a migliaia di anni fa:
"Questi eventi meteorologici spaziali costituiscono una minaccia significativa per una civiltà moderna, a causa della sua crescente dipendenza da un'infrastruttura elettronica."
Pensateci: un enorme bagliore solare come quello descritto dagli assiri potrebbe avere un impatto negativo sulle torri del telefono cellulare e sulle connessioni internet. Sappiamo già che i satelliti e i veicoli spaziali sono altamente vulnerabili a questi avvenimenti. Quanto potrebbe durare il nostro mondo moderno e interconnesso senza i dispositivi di telecomunicazione su cui tutti facciamo affidamento?


In un certo senso, possiamo imparare molto dagli assiri, e che la conoscenza può permetterci di prepararci per i futuri eventi solari:
"Da un punto di vista storico è interessante perché si ritiene che queste tavolette cuneiformi siano le prime testimonianze di questo tipo di eventi solari, spingendo le informazioni su quel fenomeno di almeno un secolo. Così, gli antichi astrologi assiri che hanno scritto i testi hanno fornito un altro esempio di come conoscere il passato possa aiutare a migliorare il presente, e talvolta anche a "prevedere" il futuro."
 
Astrologi babilonesi che mappano le stelle (Via Cradle of Civilization)

Altri eventi celesti   

Gli antichi astrologi non si limitavano a guardare il sole e i suoi effetti sulla Terra. Hanno anche tracciato comete, meteore e movimenti planetari, o altri eventi celesti che potrebbero portare a presagi buoni o cattivi per le loro società.

Il lavoro di essere un astrologo era molto serio e molto rispettato, Sarah Roberts scrive:
"Durante la lettura di questi segni, i sacerdoti si preoccupavano principalmente di ciò che accadeva nello stato nel suo complesso e nella vita del re come figura centrale dello Stato. Essi credevano anche di poter intraprendere rituali per placare gli dei e mitigare qualsiasi avvertimento negativo rivelato dalle stelle." 
Astronomi o astrologi al lavoro nel XIV secolo (Via Wikimedia Commons)

Il percorso verso l'esplorazione scientifica  

Può sembrare ridicolo suggerire che l'astrologia abbia condotto la strada alla conoscenza scientifica, ma in molti modi ciò accade esattamente ad essere esattamente ciò che è accaduto con il lavoro degli antichi astrologi assiri: 
"Gli astronomi babyloniani avevano sviluppato un approccio empirico per prevedere il movimento planetario entro l'VIII secolo a.C. I loro studi furono successivamente adottati e sviluppati dagli antichi greci e includevano alcune buone illustrazioni di antichi babilonesi usando metodi matematici avanzati. Per esempio, hanno usato il calcolo per rintracciare Giove, un pianeta chiave nelle loro menti a causa del legame che hanno creato tra Giove e il loro dio chiave, Marduk."

L'uomo ha contemplato il suo posto nell'universo per secoli, e alla fine, il nostro interesse per le stelle ha portato al programma spaziale che ci ha portato in luoghi nel nostro sistema solare che un tempo erano poco più di un sogno. I nostri antichi antenati posero la strada per ciò che sarebbe poi avvenne, e dobbiamo loro un debito di gratitudine per aver preso il tempo di registrare ciò che vedevano mentre troppo guardavano nel cielo notturno.


Ecco di più sui Babilonesi e su come hanno creato un precursore del calcolo moderno:



venerdì 8 novembre 2019

Una inarrestabile estinzione di massa cerebrale, la settima

 

Il Clima non è più a ovest di Paperino  

Posted By Guido Guidi  

La Disney o, se preferite, la ACME Inc., erano sin qui entrate nel tema del emergenza climatica (ce l’ho fatta…) solo per le gesta di improbabili emuli di Archimede Pitagorico impegnati a salvare il pianeta con poderosi interventi di geoingegneria, tutto sommato divertenti nella loro infantile distopia. Mai però avremmo pensato che il mondo di Cartoonia avrebbe impugnato la stilografica e vergato, insieme ad altri esimi frequentatori di varie accademie, trattorie e circoli serali, una dichiarazione di “stato di emergenza climatica“.

Trattasi di tal prof. Mouse, Micky, affiliato con il Micky Mouse Institute For the Blind in Namibia. Leggere per credere, il tizio era nella lista degli 11.000 firmatari, frettolosamente corretta quando è arrivata l’eco delle prime risate. Peccato non averlo visto subito, quando anche i TG nazionali si sgolavano sull’emergenza… Quest’ultimo ilare episodio è la pietra tombale di questo genere di iniziative, quale sia l’orientamento che hanno o le richieste che avanzano.

Anche perché, leggiamo dalle info supplementari della dichiarazione (file S1), che per tutti o quasi gli altri si tratta non di studiosi del tema in questione – appunto il clima – ma, nella migliore delle ipotesi di tutto quello che c’è intorno, nella peggiore di gente che passava di lì per caso. E’ quindi, questo sì, una bella comparsata di tutto quel mondo che sull’affaire moriremo tutti di climatite ci campa alla grande e, giustamente, ci crede, anche se non ci capisce (né c’entra) un accidente e butta giù grafici tanto per.

Avreste mai pensato che dalla produzione di carne pro-capite si sarebbe potuta capire la salute (malsana) del pianeta (sì, ce l’hanno con te dannato pollivendolo…)? Ecco quindi definitivamente sdoganata la sesta estinzione di massa entro fine secolo, anche se dovrebbe essere la settimana, perché stiamo di fatto assistendo ad una inarrestabile estinzione di massa cerebrale.

Estinzione reiterata, perché nel 2017, lo stesso lead author aveva pubblicato qualcosa di simile, raccogliendo allora non 11.000, ma ben 15.000 sottoscrizioni. Due le cose, o anche tra i trombettieri del disastro qualcuno comincia a stancarsi, oppure Pippo, Pluto, Paperino, Zio Paperone, Qui Quo Qua, Minnie, Clarabella, Tip e Tap, Basettoni e tutti gli altri stavolta avevano altro da fare. 

Enjoy.